Ti trovi in:

Servizi Demografici e Funerari » Anagrafe » Imposta di bollo e diritti di segreteria

Imposta di bollo e diritti di segreteria

di Martedì, 22 Luglio 2014 - Ultima modifica: Martedì, 12 Agosto 2014
Immagine decorativa

Imposta di bollo e diritti di segreteria su certificati anagrafici e autentiche di copia o di firma.

Il bollo è un’imposta riscossa dallo Stato in connessione alla formazione o all’uso di atti, certificati, registri o documenti, come disciplinato dal D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 e successive modificazioni ed integrazioni. 

I diritti di segreteria sono un corrispettivo versato al Comune per un’attività da esso svolta. La misura dei diritti di segreteria per le pratiche demografiche è fissato dalla Tabella D allegata alla legge 8 giugno 1962, n. 604 e successive modificazione ed integrazioni. 

I certificati anagrafici e le autenticazioni di firma o di copia sono soggetti all’imposta di bollo e al  versamento dei diritti di segreteria tranne nei casi che sia prevista dalla normativa una specifica esenzione in base all’uso che si deve fare del certificato o dell’atto autenticato. 

All’atto della richiesta di documenti in esenzione dall’imposta di bollo, è pertanto necessario specificare all’operatore comunale l’uso per il quale vengono richiesti. La certificazione potrà quindi essere rilasciata in “carta libera” qualora la motivazione indicata rientri tra quelle previste dalla legislazione vigente. 

IMPORTO DELL’IMPOSTA DI BOLLO E DEI DIRITTI DI SEGRETERIA 

Imposta di bollo: €. 16,00.

Diritti di segreteria:  €. 0,52. 

Qualora il certificato o l’atto autenticato siano rilasciati in esenzione dall'imposta di bollo i diritti di segreteria sono determinati in €. 0,26.

RESPONSABILITA’ E SANZIONI 

L’utilizzo di certificati rilasciati in esenzione da bolli e spese per fini diversi da quelli indicati sul certificato è una violazione della normativa fiscale vigente.   L’articolo 22 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 stabilisce che sono solidalmente obbligati al pagamento dell’imposta e delle eventuali sopratasse e pene pecuniarie tutti i soggetti che hanno sottoscritto, ricevuto, accettato e negoziato atti e documenti non in regola con l’imposta o che degli stessi facciano uso.