Ti trovi in:

Servizi Demografici e Funerari » Anagrafe » Autenticazione firma per passaggio proprietà di veicoli

Autenticazione firma per passaggio proprietà di veicoli

di Martedì, 22 Luglio 2014 - Ultima modifica: Venerdì, 07 Aprile 2017
Immagine decorativa

Scheda informativa relativa alle modalità di autenticazione della firma per i passaggi di proprietà dei veicoli presso gli uffici comunali.

L'Articolo 7 D.L. n. 223 del 4 luglio 2006 convertito in legge n. 248 del 4 agosto 2006 dispone che:
"L'autenticazione della sottoscrizione degli atti e delle dichiarazioni aventi ad oggetto l'alienazione dei beni mobili registrati e rimorchi o la costituzione di diritti di garanzia sui medesimi può essere richiesta anche agli uffici comunali e ai titolari degli sportelli telematici dell'automobilista di cui all'articolo 2 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 2000, n. 358, che sono tenuti a rilasciarla gratuitamente, salvo i previsti diritti di segreteria, nella stessa data della richiesta, salvo motivato diniego." 

Mentre prima ci si poteva rivolgere esclusivamente al Notaio, dal 4 luglio 2006 è possibile autenticare la firma su tali atti anche presso gli uffici comunali e presso gli S.T.A. - Sportelli Telematici dell’Automobilista, attivi presso le delegazioni ACI e le agenzie di consulenza automobilistica che li abbiano istituiti ai sensi dell’art. 2 del D.P.R. 358/2000.

Nel COMUNE DI MEZZANA la competenza ad eseguire le autentiche di questo tipo è stata affidata all’addetto dell’Ufficio Servizi Demografici, durante il normale orario di sportello.

COME FARE 

L’interessato deve sottoscrivere la dichiarazione di vendita direttamente davanti al funzionario comunale, il quale, dopo averne verificato l’identità, autentica la firma. 

Per chi è in possesso del CERTIFICATO DI PROPRIETA' DEL VEICOLO

La dichiarazione sarà autenticata utilizzando il riquadro T del certificato di proprietà, un tempo riservato esclusivamente al notaio. Il riquadro T dovrà essere interamente compilato dagli interessati indicando tutti i dati richiesti dal modello, compreso il numero del certificato di proprietà, dati anagrafici e codice fiscale dell’acquirente ed il prezzo di vendita.

Per chi è in possesso del CERTIFICATO DI PROPRIETA' DIGITALE del veicolo

Dal 5 ottobre 2015, il Certificato di Proprietà viene rilasciato dal PRA esclusivamente in modalità digitale sostituendo progressivamente, per le formalità richieste dalla suddetta data in poi, l’attuale documento cartaceo.

Come fare per richiedere una formalità al PRA in presenza di CdP digitale (CDPD):

Se si è in possesso di un CDPD e si deve effettuare una formalità al PRA occorre rivolgersi, a uno Sportello Telematico dell’Automobilistapresso

  • le unità territoriali dell'ACI (PRA)
  • gli uffici provinciali della Motorizzazione Civile (UMC)
  • le delegazioni degli Automobile Club e gli studi di consulenza automobilistica (agenzie pratiche auto) abilitati al servizio

Presso lo STA si potrà chiedere l’espletamento dell’intera formalità o, qualora la formalità non possa essere conclusa presso lo stesso STA (ad es. se vi è la necessità di redigere l’atto di vendita che prevede la firma di più soggetti diversi), potrà essere chiesta, senza il pagamento di alcuna tariffa pubblica, la predisposizione del supporto cartaceo necessario per completare la formalità presso altro STA.

Per chi è in possesso del FOGLIO COMPLEMENTARE del veicolo

Deve essere presentata, a cura degli interessati, una scrittura privata sulla quale, oltre alla dichiarazione di vendita, dovranno essere indicati i dati del venditore, dell’acquirente, il prezzo, i dati del veicolo ecc..

Anche in questo caso deve essere autenticata la firma di chi vende il veicolo.

L’ufficio anagrafe dispone della modulistica da poter utilizzare come traccia per la scrittura privata.

Per chi ha EREDITATO un veicolo

In questo caso deve essere presentata, a cura degli interessati, una dichiarazione di accettazione di eredità nella quale si indichino tutti gli eredi e si chieda l’intestazione ai medesimi del veicolo.
 Dovranno essere autenticate le firme di tutti gli eredi.

L’ufficio anagrafe dispone della modulistica da poter utilizzare come traccia per la dichiarazione.

QUANTO COSTA

Occorre una marca da bollo ordinaria da € 16,00 più € 0,52 per diritti di segreteria, anche nel caso di più firme sullo stesso atto.

Comunione dei beni

Se il bene oggetto della vendita ricade in regime di comunione dei beni tra i coniugi, questi dovranno firmare entrambi la dichiarazione di vendita, anche se il loro nome non compare sul certificato di proprietà. E’ necessario che tale condizione venga segnalata al funzionario al momento dell’autentica.

La mancata sottoscrizione dell’atto da parte del coniuge in comunione di beni, non intestatario del certificato di proprietà, non è sufficiente per dichiarare la nullità dell’atto. L’articolo 184 del codice civile prevede espressamente che l’altro coniuge, nel caso in cui non sia d’accordo, possa impugnare l’atto di vendita. “Gli atti compiuti da un coniuge senza il necessario consenso dell'altro coniuge e da questo non convalidati sono annullabili se riguardano beni immobili o beni mobili elencati nell'articolo 2683. L'azione può essere proposta dal coniuge il cui consenso era necessario entro un anno dalla data in cui ha avuto conoscenza dell'atto e in ogni caso entro un anno dalla data di trascrizione (art.184 codice civile).”
 
Beni appartenenti a società

Nel caso il bene oggetto della vendita sia intestato a società la dichiarazione dovrà essere firmata dal Legale rappresentante o da persona munita dei poteri di firma. Tale titolarità dovrà essere dimostrata al momento della richiesta di autentica mediante esibizione di una visura camerale aggiornata.

Procura a vendere

Coloro che siano in possesso di una procura a vendere o di atto che dia titolo ad eseguire la vendita in nome e per conto di altri dovranno esibire atti originali dai quali possa verificarsi tale facoltà.

NOTA IMPORTANTE 

ATTENZIONE: il comune è competente ad eseguire esclusivamente l’autentica di firma e non le altre operazioni relative al passaggio di proprietà dei beni mobili registrati. Ciò significa che è in ogni caso necessario rivolgersi direttamente al P.R.A., oppure ad un ufficio Aci o ad agenzie di pratiche auto entro 60 giorni per la trascrizione dell’atto e tutte le altre necessità, quali il pagamento delle tasse e diritti relativi. Sono infatti rimaste in vigore tutte le altre norme che prevedono diritti e tasse sul passaggio di proprietà, oltre ai compensi per gli uffici che eseguono le operazioni necessarie diverse dall’autentica dell’atto.

Immagine decorativa

Dal 5 ottobre 2015, il Certificato di Proprietà viene rilasciato dal PRA esclusivamente in modalità digitale sostituendo progressivamente, per le formalità richieste dalla suddetta data in poi, l’attuale documento cartaceo.

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam